C’era una volta…Un nuovo gruppo di lettori attivi

nuovo articolo

C’era una volta un gruppo di lettori appassionatissimi e simpaticissimi che decise di mettersi insieme con il solo obiettivo di partecipare attivamente alle letture per bambini e bambine, in ogni dove e in ogni tempo…

Ebbene, questo non è l’inizio di una fiaba, ma è proprio il nome che abbiamo deciso di darci a seguito dell’inizio di una nuova avventura come lettori, formatori alla lettura, insegnanti, educatrici e biblioterapiste, al servizio della comunità della zona Veronese.

Tutto è partito con il trovarci a strutturare, assieme ad Ana Gutierrez di Mille fogli (https://www.millefoglidiana.it), alcuni incontri di letture ai parchi durante l’estate 2022. E poi si sa… basta mettere insieme dei lettori come noi per creare la magia!

Non ci siamo più separati e abbiamo deciso di rendere questo gruppo una vera e propria iniziativa di cittadinanza attiva, con un vero e proprio statuto e regolamento, definito durante una delle nostre riunioni. Abbiamo messo il seme per creare le nostre basi proprio nei giorni scorsi e stiamo ridefinendo anche il nostro logo rappresentativo, oltre che la nostra maglietta-divisa di riconoscimento.

Ciò che ci caratterizza rispetto agli altri gruppi è che non realizziamo letture animate o teatralizzate, bensì ci preoccupiamo di promuovere un benessere alla lettura che faccia avvicinare i bambini e le bambine ai libri in tutte le loro forme. Il nostro obiettivo è far conoscere albi illustrati, libri sensoriali per i più piccini e libri senza parole, coinvolgendo sempre i genitori o gli accompagnatori di questi nostri piccoli amici. Inoltre, sempre su questa lunghezza d’onda, i libri saranno sempre a portata di bambino, con la possibilità di farglieli toccare, sfogliare e assaporare, fornendo anche un angolo per la fascia di età 0-3 anni. Infine aspetto assolutamente caratterizzante – e nostro grande punto di forza – sarà quello di fornire una bibliografia ragionata a termine di qualsiasi forma delle nostre proposte.

Queste nostre ancore, oltre che a definirci, seguono una linea più vicina a quella di educazione alla lettura e non all’animazione di questa: come lettori attivi siamo facilitatori del libro e strumento di incontro con i bambini e le bambine.

Perché lettori attivi e non volontari?

Le parole gratuità e volontariato sono molto spesso fonte di ambiguità, svalutazione e denigrazione. Un servizio gratuito frequentemente si pensa sia di poco valore, oppure di scarsa qualità. Far promozione alla lettura soprattutto per la fascia d’eta dell’infanzia non è un lavoro da poco e soprattutto è una responsabilità comunitaria. Per questo motivo sposiamo l’essere lettori e cittadini attivi partecipativi, che si mettono al servizio di associazioni, scuole, biblioteche e centri che credono nel potere dei libri. Ogni luogo a cui ci rivolgeremo sarà parte integrante del nostro modo di strutturare attività, laboratori o percorsi, sia a pagamento che a fruizione gratuita per gli utenti.

Siamo lettori appassionati e divertenti, ma siamo anche studiosi, professionisti e desiderosi di fare al meglio il nostro lavoro!

La prossima iniziativa che ci vedrà coinvolti è un ciclo di tre incontri nel mese di dicembre dal titolo “Piccole storie natalizie”, per bambini fino ai 6 anni, presso la sede dell’Associazione Aismme (https://www.aismme.org) – Piazza Frugose 4, Verona. A breve usciranno anche le locandine ma le date e le tematiche sono già state definite:

  • 7 dicembre ore 17, Polvere di stelle
  • 12 dicembre ore 17, La magia di Santa Lucia
  • 21 dicembre ore 17, Parole di Natale

PER INFO E PRENOTAZIONI:

IRENE.MONGE@AISMME.ORG

CELL. 333 4402261

Condividi

Arte e disabilità

Domenica scorsa sono stata al Museo Diocesano di Milano, presso il quale c’è una mostra fotografica temporanea dal titolo “Divine creature”, la bellezza che trasfigura

leggi

Filosofia della comunicazione

Nei miei anni di formazione ed esperienza lavorativa ho riflettuto molto sulla definizione da dare al contenitore del mio operato. Già il fatto che oggi

leggi

Salute o ben-essere: quale rinascita?

La parola salute proviene dal latino “salus“, che letteralmente può tradursi in salvezza, incolumità e integrità. Infatti, l’etimologia della parola sta a indicare proprio uno stato

leggi