La tutela dei confini professionali in Italia: nasce la BiPo

bipo

In Italia moltissime categorie professionali non hanno rappresentanza e vivono situazioni confuse e controverse. Spesso si è parlato sulla questione di tutela della clientela e sulla questione di chi si debba occupare della salute e del benessere di questa.

L’articolo 32 della Costituzione Italiana dichiara che: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.”

La salute è dunque diritto fondamentale e nessun individuo è obbligato a essere sottoposto a uno specifico trattamento senza la sua volontà.

Inoltre ogni individuo, o meglio, ogni persona è diversa. Ognuno di noi ha un concetto di cura e salute che dipende da tanti fattori: culturali, sociali, familiari, eccetera. Siamo in tantissimi ed è giusto proporre il maggior e miglior numero di “offerta curativa” a misura il più possibile dei singoli cittadini. Questo ovviamente non significa lavorare senza il rispetto e la tutela della persona con cui ci esponiamo da un punto di vista di cura professionale. A tal proposito è dunque fondamentale la formazione e l’aggiornamento continuo.

Come professionista appartengo a ben due categorie di professionisti poco rappresentati e spesso denigrate perché non all’altezza o non adatte a offrire il giusto servizio. Ovviamente parliamo del suolo italiano perché all’estero c’è tutt’altra storia.

Sono counselor educativo ad approccio integrato con formazione in Analisi Transazionale e soprattutto sono biblioterapista ad approccio filosofico con specializzazione in Medicina Narrativa; principalmente mi occupo di biblioterapia dello sviluppo e talvolta di biblioterapia clinica per la mia collaborazione ospedaliera.

La disciplina della biblioterapia è entrata agli albori nel bacino degli psichiatri e degli psicologi, solo successivamente ha iniziato ad essere utilizzata anche da figure “laiche”, quali bibliotecari, filosofi, counselor, educatori, ossia figure di ambito umanistico. Ovviamente questo non è avvenuto in maniera spontanea, ma sono serviti studi e ricerche dimostrate. Ad oggi in Italia si inizia a parlare di questa parola sconosciuta ai più, e posso dire quasi con orgoglio che, se si è iniziato a parlarne è perché io, assieme a due miei colleghi, abbiamo lottato per il suo riconoscimento.

Non esisteva formazione accademica riconosciuta, mentre ora esiste il primo e unico Master di I livello in Biblioterapia; siamo all’avvio della terza edizione. La materia era solo strumento aggiuntivo di psicoterapeuti mentre ora è disciplina su cui fare ricerca e applicazione in vari contesti.

Perché in vari contesti? Sulla lunghezza d’onda dell’articolo precedentemente pubblicato su questo sito, ritengo che la cura sia compito e materia quasi del tutto trasversale e la biblioterapia può aprire un dialogo in questo senso. Ovviamente tornando alla questione del rispetto e della tutela, i professionisti devono essere adeguatamente formati affinché non si verifichino promiscuità. Tuttavia io credo che il vero problema sia il rispetto dei confini professionali nelle varie realtà.

Frequentemente mi trovo a osservare psicologi nel ruolo di educatori, educatori nel ruolo di addetti alle pulizie, OSS nel ruolo di educatori, insegnanti che si trasformano in psicologi e via di seguito. Molto spesso persino gli annunci di lavoro richiedono una figura con un titolo specifico che però sappia anche occuparsi di varie altre mansioni che inevitabilmente sfumano e sfociano nella competenza di altre categorie. Questo non solo è svilente e frustrante, ma soprattutto non mette nella condizione di rispetto e tutela dell’utenza a cui questi professionisti e queste professioniste si rivolgono.

Tutta questa premessa per annunciare il lancio ufficiale dell’Associazione di Categoria di Biblioterapia e Poesiaterapia. Un obiettivo impensabile anni fa in Italia, ma necessario affinché ci sia chiarezza e controllo. L’Associazione ha infatti l’obiettivo di rappresentare entrambe le categorie di applicazione della biblioterapia, clinica e dello sviluppo. Vuole offrire a tutti i professionisti uno spazio di dialogo dove poter far incontrare anche realtà diverse che a vario titolo e misura si occupano di cura attraverso l’utilizzo dello strumento libro o narrazione in generale. Tutto questo con l’intenzione molto chiara ed etica di esplicitarne i confini professionali in merito.

Le figure cosiddette laiche possono occuparsi di cura, salute e benessere perché si rivolgono alla parte sana delle persone, per usare il linguaggio dell’Analisi Transazionale, intervengono sullo stato dell’Io Adulto delle persone, senza fare regressione o progressione, le cui sfere sono competenza esclusiva dello psichiatra o dello psicoterapeuta.

BiPo sarà dunque un’associazione di categoria aperta al dialogo delle due branche della biblioterapia con l’obiettivo di verificare le competenze, i confini professionali e la tutela da rivolgere all’utenza. Proprio per questo è stato stilato un codice etico visionabili sul nuovo sito: https://www.associazionebipo.it/codice-etico/

Oltretutto abbiamo voluto inserire fra i fondatori proprio una figura rappresentativa dei professionisti clinici. Questo ancora una volta dimostra il nostro desiderio e compito di assicurare tutela a quella categoria che ha davvero bisogno di riconoscimento perché utilizza uno strumento con potenzialità assolutamente enormi e delicate, avendo a che fare con persone differenti.

Inoltre ricordiamoci che il termine Biblio-terapia è stato ereditato dall’inglese e gli antichi non avevano bisogno di aggiungere la parola terapia al potere curativo delle arti insito in loro per natura.

Io, Marco, Dome e Paolo (https://www.associazionebipo.it/chi-siamo/) vi aspettiamo sabato 28 ottobre alle 10, sia in presenza che in streaming, per il lancio ufficiale di BiPo – Associazione Italiana Biblioterapia Poesiaterapia.

Per iscriversi compilare il modulo qui.

Condividi

Autobiografia Instrumentum Vitae

ARTICOLO DI GIORGIA GIUSTINELLI – illustrazione tratta dalla graphic novel “Benzimena. Anatomia di uno stupro” di Nina Bunjevac «Creare pericolosamente, per gente che legge pericolosamente.

leggi

Arte e disabilità

Domenica scorsa sono stata al Museo Diocesano di Milano, presso il quale c’è una mostra fotografica temporanea dal titolo “Divine creature”, la bellezza che trasfigura

leggi

Filosofia della comunicazione

Nei miei anni di formazione ed esperienza lavorativa ho riflettuto molto sulla definizione da dare al contenitore del mio operato. Già il fatto che oggi

leggi

Salute o ben-essere: quale rinascita?

La parola salute proviene dal latino “salus“, che letteralmente può tradursi in salvezza, incolumità e integrità. Infatti, l’etimologia della parola sta a indicare proprio uno stato

leggi